Storia

Visual Portfolio, Posts & Image Gallery for WordPress

L’800, secolo di rivoluzioni: politiche, culturali, industriali.
Nell’800 nasce lo Stato nel senso moderno del termine, a seguito di rivolte partite dal popolo che prende coscienza del proprio ruolo, dei propri diritti e doveri.

Viene proclamata l’Unitá d’Italia: l’Italia diventa un’entità unica, sovrana e indipendente. E vogliamo parlare delle invenzioni tecnologiche? Il telefono, il cinematografo, l’automobile, la fotografia… Rivoluzionarie non solo dal punto di vista tecnico ma anche sul piano sociale.

Tutti questi cambiamenti come sono stati recepiti dalla nostra comunità? Ha avuto un suo ruolo nelle vicende dell’epoca? Quali sono i personaggi che hanno segnato la storia del nostro territorio, le grandi piccole personalità ottocentesche della nostra città?

  • Il diritto al voto nella vecchia Fratta
    Quante persone avevano diritto di voto per gli organi amministrativi nella Fratta nel 1860 e poi ad Umbertide nel 1869? Ben 71 elettori nel 1860 e 181 nel 1869.
  • Da Fratta a Umbertide
    La scelta del nome Umbertide con la sua motivazione è complicata e nasce dopo l’Unità d’Italia su richiesta dello Stato unitario per evitare “equivoci” amministrativi per via delle numerose “Fratta” esistenti nel territorio italiano.
  • Ottocento e Risorgimento
    Nel 1814 termina l’esperienza del dominio napoleonico sul territorio italiano: anche Umbertide, allora ancora Fratta, ritorna a far parte dello Stato della Chiesa. Dal 1816, insieme a Montone e Pietralunga, non sarà più capoluogo ma comune amministrato da un sindaco.
  • Fratta e il Catasto Gregoriano

    Fratta, oggi Umbertide, a metà del 1800 venne rappresentata in una “Mappa”, scala 1:2000 nel “Catasto gregoriano”.

    Il Catasto Gregoriano è un  catasto generale geometrico particellare dello Stato pontificio: iniziato da Pio VII nel 1816, dopo l’esperienza napoleonica, è definito così perché fu terminato da Gregorio XVI nel 1835. 

Condividi