Home

  • Il diritto al voto nella vecchia Fratta
    Quante persone avevano diritto di voto per gli organi amministrativi nella Fratta nel 1860 e poi ad Umbertide nel 1869? Ben 71 elettori nel 1860 e 181 nel 1869.
  • Da Fratta a Umbertide
    La scelta del nome Umbertide con la sua motivazione è complicata e nasce dopo l’Unità d’Italia su richiesta dello Stato unitario per evitare “equivoci” amministrativi per via delle numerose “Fratta” esistenti nel territorio italiano.
  • Ottocento e Risorgimento
    Nel 1814 termina l’esperienza del dominio napoleonico sul territorio italiano: anche Umbertide, allora ancora Fratta, ritorna a far parte dello Stato della Chiesa. Dal 1816, insieme a Montone e Pietralunga, non sarà più capoluogo ma comune amministrato da un sindaco.
  • Le acconciature femminili nell’800
    Quali acconciature erano in voga tra le dame dell’800? E come sono cambiati stili e mode nel corso del secolo? Ecco una carrellata dedicata alle chiome femminili del XIX secolo.
  • Risorgimento in Italia: la moda della barba e dei baffi
    Tutti conosciamo i protagonisti del Risorgimento italiano. Ci sono anche stati tramandati aneddoti riguardanti i rapporti, non sempre sereni e rilassati, tra Vittorio Emanuele II, Cavour e Garibaldi. Ma cosa dire dei loro “look”, in particolare per quanto riguarda barba e baffi?
  • Piatto salva cena: il brustengo
    Essendosi dimenticata di preparare il pane per il pranzo di chi era andato a lavorare nei campi, Assuntina, la figlia più giovane di Quintilio e dell’Armida, trova il modo per rimediare.
  • La dieta dei contadini nell’Italia centrale
    Non avendo molto a disposizione per preparare i pasti, le massaie usavano quello che avevano a portata di mano per preparare piatti in grado di rifocillare i contadini dopo una dura giornata di lavoro. Polenta e fagioli era un piatto sostanzioso, saporite abbastanza equilibrato.
    Condividi