Da Fratta a Umbertide

La scelta del nome Umbertide con la sua motivazione è complicata e nasce dopo l’Unità d’Italia su richiesta dello Stato unitario per evitare “equivoci” amministrativi per via delle numerose “Fratta” esistenti nel territorio italiano.

Ottocento e Risorgimento

Nel 1814 termina l’esperienza del dominio napoleonico sul territorio italiano: anche Umbertide, allora ancora Fratta, ritorna a far parte dello Stato della Chiesa. Dal 1816, insieme a Montone e Pietralunga, non sarà più capoluogo ma comune amministrato da un sindaco.

Fratta e il Catasto Gregoriano

Fratta, oggi Umbertide, a metà del 1800 venne rappresentata in una “Mappa”, scala 1:2000 nel “Catasto gregoriano”.

Il Catasto Gregoriano è un  catasto generale geometrico particellare dello Stato pontificio: iniziato da Pio VII nel 1816, dopo l’esperienza napoleonica, è definito così perché fu terminato da Gregorio XVI nel 1835. 

Torna il Settembre Ottocentesco

Dal 16 al 25 Settembre torna ad Umbertide il Settembre Ottocentesco, due lunghi week end dedicati alle suggestioni del diciannovesimo secolo. Nell’affascinante scenario di Piazza Fortebraccio e del Teatro dei Riuniti, andrà in scena un ricco programma fatto di musica, teatro, danza, eventi.

Rossini Wind Quintet

Ieri sera abbiamo inequivocabilmente dimostrato, insieme al Rossini Wind Quintet e in compagnia del meraviglioso pubblico che ha riempito il Museo di Santa Croce in tutte le repliche, come Gioacchino Rossini sia stato la prima vera pop star del secolo XIX.